Binge Learn #5 - ADR, fasi di un telefilm e post-produzione

LuigiToto|

Continuiamo i nostri meravigliosi viaggi attraverso i termini tecnici e il “dietro le quinte” pratico di un telefilm con la nostra rubrica Binge Learn.

Nel primo appuntamento abbiamo parlato di differenti terminologie, della syndication e degli orari USA , nel secondo appuntamento abbiamo parlati di ascolti e ratings, nel terzo appuntamento siamo andati dietro le quinte dei casting CW, nel quarto appuntamento abbiamo parlato dell’influenza di un network sullo stile, i tagli e le storyline di un telefilm.

Oggi parleremo di ADR e post-produzione.

Che cos’è l’ADR?

L’ADR è un processo di doppiaggio. Alcune volte vengono filmate delle scene in condizioni non favorevoli: a causa del tempo, del traffico, di problemi alla voce di un attore o di un’attrice, problemi tecnici con il microfono sul set. Succede spesso, molto spesso, in questo caso – dunque – se un dialogo non è chiaro o se una frase risulta detta male, con intonazione sbagliata, gli attori si dirigono in studio di registrazione per doppiarsi, rifare i dialoghi e intere scene. Si tratta di un processo importante che spesso prende molto tempo, è quasi come filmare una scena vera e propria, ma semplicemente con la propria voce.

Succede quasi in ogni episodio prodotto di un telefilm.

tumblr_nve95c0KJv1rgpgw0o1_500

L’ADR fa parte della post produzione di un episodio che è l’ultima parte del processo creativo composto da:

  • Braingstorming iniziale
  • Idee, storyline, sviluppi discussi dagli autori
  • Storyboard
  • Divisione in acts
  • Scrittura della sceneggiatura
  • Revisione della sceneggiatura
  • Eventuali re-writes
  • Consegna dei copioni agli attori
  • Inizio delle riprese
  • Eventuali re-shots
  • ADR
  • Post produzione

pre-post-production-1l

La post produzione è il meccanismo che serve a costruire l’episodio in studio con le scene girate durante le riprese (che in generale, per un telefilm di 40 minuti ad episodio durano una settimana ad episodio). Non tutte le scene girate (e che erano nella sceneggiatura) verranno inserite, infatti spesso il copione risulta troppo lungo e il minutaggio andrebbe a sforare (e non può).

Joss Whedon parla spesso di come ha dovuto tagliare scene che per lui erano importante, anche se non così rilevanti nell’azione. Uno script di Gilmore Girls era lungo il doppio di uno script di una normale serie tv, ma il minutaggio non sforava mai grazie all’incredibile velocità con cui venivano recitati i dialoghi.

Spesso nei promo vediamo scene che poi nell’episodio vero e proprio non ci sono. Questo perché al network vengono consegnati i Dailies (i giornalieri, le riprese del giorno e non l’episodio completo), e con quelli il canale costruisce lo spot.

Il compito della post produzione è anche quello di pensare al montaggio dell’episodio, alla costruzione delle scene, su base dello script: luci, colori, effetti speciali e musiche. Colonna sonora, score (instrumental) e canzoni da inserire nelle varie scene. Titoli di testa e titoli di coda.

La post produzione è davvero l’ultimo processo, la fase finale. Chi si occupa di tale procedimento impacchetta l’episodio e lo consegna al network.