La censura di How to Get Away With Murder e il potere del popolo di Internet

LuigiToto|

Ieri ho seguito insieme a voi la questione “censura” ai danni di How to Get Away With Murder. Per riassumere la faccenda:

L’internet si è indignato perché una scena gay è stata censurata durante la prima tv in chiaro di How To Get Away With Murder, si trattava di una scena tra Connor e Oliver e ve ne abbiamo parlato questa mattina.

Dopo molti articoli e trend topic su twitter, è arrivata la giustificazione della Rai:

La neo-direttrice di rete Ilaria Dallatana ha detto:

«Non c’è stata nessuna censura, semplicemente un eccesso di pudore dovuto alla sensibilità individuale di chi si occupa di confezionare l’edizione delle serie per il prime time. Capisco l’irritazione, ma mi preme far notare che dopo anni e anni di serie esclusivamente poliziesche Rai2 ha cominciato a proporre titoli di diverso contenuto, quali Le regole del delitto perfetto e Jane the Virgin, che tratta di maternità surrogata. Anche queste polemiche ci aiutano a prendere le giuste misure per il futuro. Come dimostrano anche le scelte fatte per i nuovi palinsesti, Rai2 sarà sempre più sensibile alla complessità del mondo contemporaneo».

Sia Jack Falhee, che Peter Nowalk che Shonda Rhimes si sono espressi a riguardo. Addirittura TVLINE e Michael Ausiello ne hanno parlato.

13654324_10207031607527881_2043031162789655278_n Cm4KySdXEAANM7J 13599857_10210013443476620_5468063515554916971_n Schermata 2016-07-09 alle 20.56.31

RaiDue ha deciso di mandare di nuovo in onda l’episodio questa sera, questa volta senza censure.

Non voglio parlare più della parte negativa di questa vicenda – ne abbiamo parlato e abbiamo fatto qualcosa a riguardo. Sì, abbiamo fatto qualcosa. Abbiamo agito. Noi, popolo di internet. Siti, blog, persone, utenti, fan.

Abbiamo potere.

Questo è un grande passo e crea un precedente. Abbiamo una voce.

Non hanno avuto la stessa fortuna coloro che si sono battuti per le scene censurate di Willow e Tara in Buffy anni fa su Italia 1, Internet esisteva, ma non aveva affatto questa risonanza. Parliamo sempre delle parti negative di Internet, ieri abbiamo visto che può essere uno strumento che, se utilizzato nel giusto modo, può portare a qualcosa di concreto.

Siamo sicuri che da questo momento prima di censurare “qualsiasi tipo di amore”, come dice Shonda, gli editor e i network ci penseranno su più volte. E magari lo rifaranno, chissà. E noi saremo di nuovo lì, con un nuovo trend topic. Con la nostra voce.