Lucifer 5: la recensione in anteprima dei primi otto episodi della stagione cinque

LuigiToto|

Lucifer 5

Arrivato alla sua quinta stagione, Lucifer è ormai una macchina ben oliata. Tutti gli ingranaggi funzionano, il cast – che è davvero il punto forte di questo show – ha una chimica incredibile, che permette ad ogni scena di essere organica e funzionale. Lo show ormai ha anche trovato il suo equilibrio nello sfruttare la sua semi-natura procedurale alternandola alla trama orizzontale che, in questa stagione, è più intricata (nel senso positivo del termine).

Finalmente la serie si lascia andare un po’ alla mitologia, senza tralasciare i casi della settimana. Anzi, usa l’espediente Case of the Week proprio per riflettere sulle varie scoperte che riguardano le fondamenta dello show.

Lucifer 5

Sì, perché questa prima parte di quinta stagione è una delle più aperte alle rivelazioni ed è piena di colpi di scena. In particolare, c’è un twist che è un po’ un’arma a doppio taglio inizialmente. Sarà un ostacolo per i personaggi, ma darà anche modo a tutti di essere onesti e di scavare a fondo.

È forse la stagione più introspettiva, ogni personaggio cerca di affrontare i propri drammi del passato e vincerli. È anche la stagione più onesta, per tutti. Da Maze a Chloe, da Lucifer a Linda, tutti hanno spazio per affrontare i propri demoni (pun intended).

La quarta stagione era terminata con Lucifer all’inferno. E se gli shipper di Chloe e Lucifer si stanno chiedendo se i nuovi episodi saranno importanti per la coppia… beh, la risposta è assolutamente sì. Tra i più importanti dello show. Ci sono ostacoli, c’è angst, ma c’è anche finalmente un’accettazione da parte di entrambi, un qualcosa già accennato nel finale della stagione quattro. Lo hanno accettato, si amano. Ma come gestiranno la cosa… e quali ostacoli arriveranno sul loro cammino? Questo è un po’ il leit motiv dei primi otto episodi della stagione cinque. Ma per i più preoccupati: non temete, ci sarà da shippare e ci saranno (tante) gioie. Punti bonus per aver utilizzato una splendida cover di una canzone molto cara agli shipper di Joey e Pacey… in una scena molto bella.

La serie continua ad adottare un nuovo formato, essendo su ormai su Netflix: gli episodi sono più lunghi e i personaggi più sboccati… e con meno vestiti. In particolare, preparatevi ad apprezzare i migliori lati di Tom Ellis.

La stagione fa anche molti esercizi di stile: c’è un episodio molto meta, in cui Lucifer e Chloe indagano sul set di uno show che è praticamente Lucifer… agli Warner Studios. (Dove sono stato e dove Lucifer viene girato, quindi è stato molto molto meta). L’episodio dà modo allo show di divertirsi e di inserire numerosi inside joke.

C’è un altro episodio importante, un episodio noir, completamente in bianco e in nero che però ha dei forti legami con la trama principale, quindi non sa di stand-alone. Ed è un bene, considerando che in otto episodi gli stand-alone stonano.

La prima parte della quinta stagione di Lucifer porta avanti il trend positivo della quarta. Esplora in modo profondo la relazione tra Chloe e Lucifer, lascia respirare tutti i personaggi con le proprie storyline, regala importanti rivelazioni sulla mitologia della serie e apre strade interessanti per il futuro.

I nuovi episodi di Lucifer debuttano il 21 agosto su Netflix.