Ecco perché sono deluso da Rory Gilmore

LuigiToto|

imrs-php

Se guardiamo le recensioni negative del revival di Gilmore Girls un qualcosa è subito chiaro: il personaggio di Rory Gilmore ha molto a che fare con il disappunto dei telespettatori. Non solo per quanto riguarda il team (Team Jess, Team Dean, Team Logan) ma anche semplicemente a livello di personaggio e crescita del personaggio.

Alcuni pensano, erroneamente, che tutti i fan di Gilmore Girls siano delusi dal revival per la vita amorosa di Rory. C’è da fare una grande premessa prima di andare avanti:

  1. Io non sono deluso dal revival, anzi, ho dato ottimi voti a tutti e 4 gli episodi.
  2. Ci sono sicuramente cose che non mi sono piaciute e tra queste c’è l’involuzione di Rory Gilmore, ma questo non vuol dire che io pensi che il revival sia orribile.

Ok, erano due premesse.

Questi nuovi 4 episodi mi hanno dato un ritrovato rispetto nei confronti di Lorelai. Rispetto che c’era già ma che si è fortificato e consolidato. Se nella serie originale pensavo che Rory potesse conquistare il mondo, in questa nuova serie ho pensato che Lorelai abbia conquistato il mondo.

Rory non ha avuto una vita difficile. Cercano di farci credere che sia stato così ma non è vero. La madre le ha permesso di andare alla Chillton (con il grande aiuto dei nonni), è andata a Yale, ha avuto mille possibilità e mille porte aperte. Ha avuto l’appoggio dei nonni ricchi quando ha voluto impuntarsi, lasciare Yale, lasciare tutto e trascorrere un periodo sabbatico. E ci stava, a 19-20 anni ci stava.

Ma ora Rory ha 32 anni ed è una persona… brutta. Non a livello estetico, per carità, Alexis Bledel è meravigliosa, parlo del fatto che sia una brutta persona a livello di morale, di comportamenti, di impegni, di fiducia.

Rory si arrende al primo ostacolo, non è in grado di accettare neanche una critica costruttiva, è diventata così convinta ed egocentrica che non accetta neanche un lavoro che potrebbe darle qualcosa, perché nessuno è mai TROPPO per qualcosa (mi riferisco al giornale on-line), è arrendevole, disorganizzata, inadatta a vivere. Se otto anni fa mi avessero detto che Rory sarebbe diventata questo io li avrei presi per pazzi. Ed è questo che mi fa storcere in naso, ed è per questo che concordo quando qualcuno dice che il suo personaggio era out of character. Perché nonostante Rory abbia fatto dei grossi sbagli nella serie originale, cito l’andare a letto con Dean, cito l’abbandonare Yale, in seguito si è sempre ripresa ed ha sempre capito. E poi era giovane, e anche i migliori tentennano e prendono buche per strada, succede, è la vita dei ventenni.

Ma una Rory Gilmore trentaduenne non può essere questo. Ero così spaesato che stentavo a crederci. E’ una donna che dimentica di lasciare una persona con cui sta (per carità, gag divertente ma wow), una persona che tradisce, che accetta di essere l’altra donna. A 32 anni. Dopo tutto quello che ha imparato.

Perché?!

Forse sono deluso perché da Rory mi aspettavo di più. Non la volevo Presidente degli Stati Uniti, la volevo… una bella persona, cosa che non è. Non in questo momento, almeno.

Tutti abbiamo dei momenti no. Tutti abbiamo paura del futuro e ci siamo sentiti spaesati almeno cento volte nella vita, ma questa non era la Rory Gilmore che conoscevo. E forse era questo il piano, era questo che Amy voleva dirci “Rory è un disastro.” Ha avuto la strada spianata, sua madre ha fatto enormi sacrifici nella vita ma non importa, perché lei è un disastro e dovete convincerci.

Ecco perché spero in nuovi episodi, perché spero che Rory si riprenda, che rimetta in ordine la sua vita (aveva appena iniziato e poi il revival è finito), ecco perché non accetto che la Palladino voleva chiudere la serie con la storia che si ripete anche 8 anni fa. Gilmore Girls è stato più di questo. Deve essere più di questo. E magari, speriamo, lo sarà.