Skam Italia 4: Filippo Sava (Pietro Turano) riassume le prime tre stagioni

@LuigiToto|

Skam Italia 4

Filippo Sava riassume le prime tre stagioni Skam Italia, mentre ci prepariamo all’arrivo dei nuovi episodi

Dopo innumerevoli ostacoli (la cancellazione improvvisa, il dietrofront iniziale di TimVision, l’emergenza sanitaria che ha rallentato la post produzione e reso impossibile la pubblicizzazione di clip, chat e altri contenuti in tempo reale come prevede il format) la quarta stagione di Skam Italia è pronta al debutto. I dieci episodi che compongono la nuova stagione saranno rilasciati a partire dalle ore 00:01 del 15 Maggio 2020 in contemporanea su Netflix Italia e TimVision.

Dopo aver trattato argomenti (sotto alcuni aspetti ancora tabù) come l’omosessualità, le malattie mentali, il revenge porn, l’abuso di droghe, Skam è pronto a parlare apertamente e soprattutto senza censure anche di religione. Non è un caso se la protagonista della nuova stagione è proprio Sana (interpretata dall’attrice Beatrice Bruschi), una ragazza italiana, musulmana praticante e con genitori stranieri. Il desiderio del regista e showrunner Ludovico Bessegato è quello di restituire agli innumerevoli fan della serie un quadro fedele e veritiero della società musulmana in Italia.

Skam Italia 4 Skam Italia 4

La storyline di Sana parlerà dei due mondi (apparentemente diversi) di cui fa parte, dei valori che gli sono stati tramandati dalla famiglia e quelli del mondo occidentale di cui fanno parte le sue migliori amiche. Beatrice infatti parlando del suo personaggio ha dichiarato: “è una ragazza di seconda generazione con una fede molto forte, vedremo più chiaramente il suo conflitto tra fede e volontà di partecipare a una vita sociale, alle feste e avere una vita sentimentale. Lei si sente incompresa da un lato dalle sue compagne, per la sua scelta di fede, e dall’altra dalla famiglia e amiche musulmane, che non capiscono a pieno le sue scelte. Si sente sola, come tanti adolescenti ha paura, tende a isolarsi e chiudersi”.

Durante la scrittura della quarta stagione è subentrata Sumaya Abdel Qader, sociologa, scrittrice, attivista per i diritti delle donne e musulmana praticate che ha aiutato il team di Skam Italia nella stesura delle sceneggiature. La complessità del personaggio di Sana ha portato quest’ultima a collaborare a stretto contatto con Beatrice: “abbiamo lavorato molto bene su tutti gli aspetti di cosa vuol dire essere donne musulmane in Italia, non siamo abituati a storie di vite quotidiane di questa seconda generazione, una parola che spero verrà modificata presto in italiani di fede musulmana. I ragazzi e le ragazze musulmane sono il futuro del nostro paese, sono parte integrante di una rappresentazione reale. La serie non risponde a tutte le domande, ma sono spunti di riflessione importanti”.

Il compito di fare il punto della situazione su cosa sia accaduto nelle stagioni precedenti però è toccato a Pietro Turano che nella serie interpreta Filippo Sava. Su tutti gli account ufficiali di Netflix è apparso un simpatico e accuratissimo riassunto per rinfrescare a tutti la memoria, il fandom della serie hanno accolto positivamente questo recap riuscendo in pochissimo tempo a far entrare l’hashtag #FilippoSava nelle tendenze di Twitter.

L’appuntamento dunque è per venerdì 15 Maggio su Netflix Italia e TimVision per l’attesissima quarta stagione di Skam Italia.

Articolo a cura di Marco Valentino