Martin Scorsese su The Irishman: "Ci tenevo a fare questo viaggio con Robert De Niro"

@Giusy Dente|

film marvel

Per il regista 76enne Martin Scorsese The Irishman è il 27esimo film realizzato nella sua carriera, il nono con Robert De Niro, che qui veste i panni del sicario Frank Sheeran. Nel cast anche Al Pacino e Joe Pesci. Dopo le sale cinematografiche, sbarcherà direttamente su Netflix, grazie a un accordo con il colosso dello streaming che ha finanziato il progetto. Nello specifico, in Italia il film sarà distribuito nelle sale dal 4 al 6 novembre, per poi essere reso disponibile sulla piattaforma a partire dal 27 novembre, in contemporanea con gli Stati Uniti.

La pellicola è l’adattamento cinematografico del saggio del 2004 di Charles Brandt che racconta la vita di Frank Sheeran e l’omicidio di Jimmy Hoffa.

Intervista a Martin Scorsese

martin scorsese robert de niro

Intervistato da EW, il regista ha spiegato che ci teneva a lavorare nuovamente con Robert De Niro, sentiva che c’era ancora qualcosa che potevano raccontare insieme.

Robert ha letto il libro di Charles Brandt mentre recitava nel film drammatico del 2006 The Good Shepard. Me l’ha dato. Ho visto che era in sintonia col personaggio e abbiamo voluto fare questa cosa insieme. Mi sono reso conto che teneva davvero al personaggio il che è quasi commovente. Quindi ho pensato che avremmo fatto il viaggio insieme. Ci è voluto del tempo, ma è importante che ce l’abbiamo fatta. E il fatto che le persone abbiano reagito così fortemente è davvero…non so se ho le parole per esprimere il ringraziamento.

Più difficile è stato far entrare nella squadra Joe Pesci, a cui è stato chiesto di entrare nel cast più di 50 volte! Decisiva, nella sua scelta di partecipare, è stata l’inclusione di Netflix nel progetto:

In quel momento abbiamo avuto un sostegno importante. Non è questione di soldi o di essere ricompensati e apprezzati per il proprio valore. Riguarda l’impegno del fare un film in cui nessuno ti sta dando niente. A una certa età e fisicità per gli attori, potrebbe non valerne la pena.

Dulcis in fundo, il film di Martin Scorsese porta sullo schermo anche Al Pacino e certamente è sempre un’emozione vederlo insieme a De Niro.

Prima di tutto, con loro non c’è bisogno di dire “azione” o “taglio”: andiamo e basta. Io e De Niro ci conosciamo da così tanto tempo, da quando avevamo 16 anni. Con Al volevo lavorare da diverso tempo, ma lo conosco dagli anni Settanta. Anche se non avevamo lavorato insieme era come se lo avessimo fatto. Bob e Al invece si conoscono da tanto tempo, anche se hanno recitato insieme in un solo film, Heat.

Questi intrecci, questi legami hanno fatto sì che sul set tutto risultasse molto fluido e naturale, che molte scene potessero addirittura essere improvvisate, vista la professionalità e la connessione tra attori e regista. Il tutto, ovviamente, supportato da una solida sceneggiatura. La curiosità su The Irishman è alle stelle e il film viaggia dritto verso un possibile Oscar.