Rami Malek su No Time To Die: "Ecco come Bohemian Rhapsody ha influenzato il mio ruolo"

@Ilaria Roncone|

no time to die

Il grandissimo successo ottenuto da Rami Malek nei panni del protagonista di Bohemian Rhapsody continua ad avere un’influenza concreta non solo nella sua vita ma anche nel suo lavoro di attore. Parlando del suo ruolo di cattivo nella nuova pellicola dell’agente 007 No Time To Die MAlek ha rivelato di aver recitato influenzato dalla precedente esperienza da Oscar. In che modo?

Rami Malek: “Ho imparato una lezione dal signor Freddie Mercury”

In una recente intervista Rami Malek ha parlato del suo ruolo come villain contro 007:

Se fossi andato lì e avessi provato a realizzare una copia carbone di qualcuno, che gioia o divertimento sarebbe stato? Credo che questa sia stata una lezione che ho imparato dal signor Freddie Mercury. Se non è originale, perché disturbarsi? Ho preso alcuni dettagli dai miei [personaggi] preferiti. Ma ho provato ogni giorno a infondere a questo personaggio qualcosa che avesse senso per lui, ma allo stesso tempo che potesse essere scioccante o snervante

L’approccio di Rami Malek non delude nemmeno stavolta, quindi. Non rimane che attendere il risultato. Sono tanti i fan dell’attore che aspettano di vederlo calarsi nelle vesti del cattivo e raccogliere l’eredità di personaggi del calibro di Mads Mikkelsen e Javier Bardem (rispettivamente i cattivi di Casino Royal e Skyfall).

Non solo Rami Malek cattivo in 007

Come emerso dai contenuti finora rilasciati su 007 No Time To Die il personaggio di Malek non sarà il solo cattivo con cui il protagonista si troverà ad avere a che fare. Ci sarà infatti anche Blofeld, interpretato da Christopher Waltz e già presente in Spectre. Appuntamento al prossimo aprile al cinema, dunque, con altri attori del calibro di Rami Malek tra cui:  Léa Seydoux, Ben Whishaw, Naomie Harris, Ralph Fiennes, Jeffrey Wright, Rory Kinnear, Lashana Lynch, Dali Benssalah, Billy Magnussen, Ana De Armas e altri ancora.